Workshop con Robert Clark (UK) 14-15 giugno

 

workshop di danza contemporanea con il coreografo internazionale Robert Clark http://www.robert-clark.org.uk

E.D.A.Emerging Dance Artists https://emergingdanceartists.wixsite.com/home
in collaborazione con Il Filo Di Paglia/MOWlab
Quando: 15, 16 giugno 2019
Sabato dalle 14.00-20.00
Domenica dalle 10.00-16.00
Dove: via Fontana 15, Milano (MI) Italia Il filo di Paglia/MOWlab
Costo: per iscritti entro maggio 100 € per iscritti a giugno Euro 120 €

Nota: il costo comprende 15 Euro di tessera associativa Il Filo Di Paglia

Per informazioni e iscrizione: eda.emergingdanceartists@gmail.com
burdinskayamarina@gmail.com
WhatsApp: +39-345-460-44-20

Robert Clark è affascinato dalle persone.

Durante la creazione di MASS 2018, Robert ha lavorato con un team collaborativo di esperti (psicologi, neuroscienziati e un illusionista) per vedere come ci connettiamo l’un l’altro e come queste profonde connessioni possano essere la chiave per capire noi stessi e gli altri in modi nuovi e meravigliosi.

In questo workshop Robert ti invita a essere spettatore, creatore e partecipante, muovendosi tra conversazione, danza ed esercizi interattivi, fornendoti uno sguardo ad alcuni dei risultati sorprendenti ed eccitanti della sua ricerca, offrendoti la possibilità di sperimentare te stesso in relazione ad altri in modi potenzialmente illuminanti. Incontrerai idee relative all’Empatia, allo specchio, alla propriocezione, alla conoscenza / memoria incorporata, alla proiezione di sé, alla fusione con gli altri, che si riferiscono al contenuto della MASS.

Non è necessario avere un background di danza di alto livello per partecipare al seminario, anche se la sicurezza nel proprio corpo e la facilità di movimento saranno vantaggiose in quanto ha dei requisiti fisici. Particolarmente importante una apertura e una maturità nel lavorare in prossimità degli altri, un interesse e una curiosità nelle persone e il nostro rapporto con il resto del mondo .

Per conoscere altri lavori di Robert Clark visitate il suo sito:
http://www.robert-clark.org.uk/

Per informazioni e iscrizione: eda.emergingdanceartists@gmail.com
WhatsApp: +39-345-460-44-20

Il pericolo dell’anima Viaggio attorno alla tarantella con Anna Dego 31 marzo

MOWlab/Il filo di paglia ospita a Milano un workshop di teatro danza con Anna Dego in Via Fontana 15.  Domenica 31 marzo dalle 12.00 alle 17,30 con piccola pausa

Il progetto Il pericolo dell’anima, Viaggio intorno alla tarantella è una ricerca in cui la danza si fonde con il teatro creando un legame originale, autonomo. La Tarantella, danza tradizionale dell’Italia del sud, trae la sua origine dagli antichi riti dionisiaci e misterici diffusi nell’area del Mediterraneo, viene chiamata anche danza del ragno, il cui morso simboleggia le forze sotterranee celate dentro di noi.

Danza energica, sensuale e malinconica la tarantella penetra una dimensione complessa in cui gli opposti, maschile e femminile, interno ed esterno, alto e basso sono in continuo rovesciamento; contrapposizione dalla quale nasce l’equilibrio, l’armonia.

Nella Tarantella il corpo è strettamente legato all’anima e al di là della coreografia codificata, mi interessa cercare il ponte che collega questa danza antica con il nostro presente contemporaneo; si tende dunque alla ricerca di una “propria tarantella contemporanea”.

La Tarantella riconducendoci alla terra ci spinge in alto, in contatto con quelle parti più nascoste di noi. Si balla la propria unicità, in cerchio, in una danza universale.

Costo : 50€

Per Informazioni scrivere a : mariacarpaneto@gmail.com o chiamare 3479355159

Biografia

Peculiarità del lavoro di Anna Dego è l’incontro del linguaggio teatrale con quello della danza. Si diploma alla scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova e lavora con registi tra i quali Nanni Garella, Elio De Capitani, Ferdinando Bruni, Franco Branciaroli, Marco Sciaccaluga, Benno Besson, Alexandr Galin, Raul Iaiza. Nel ’94 si trasferisce a Palermo e lavora con il regista Claudio Collovà ad una lunga serie di spettacoli, tra i quali progetti realizzati con i ragazzi del carcere minorile il ‘Malaspina’ di Palermo. All’interno dello spettacolo Tango barbaro di Copi con Toni Servillo e Mariangela Melato, incontra la coreografa Adriana Borriello. Nel ’97 entra nella compagnia della coreografa dove lavorerà per i successivi 8 anni, partecipando alle produzioni, tra le quali il Progetto Catartico che nasce da ricerche antropologiche ed etnocoreologiche sulle tradizioni popolari con particolare attenzione al sud Italia.Ottiene una borsa di studio per danzatori contemporanei interdisciplinari Dal rito alla danza e approfondisce le tematiche che guardano al movimento sotto un’angolazione antropologica. Selezionata al Festival Inteatro di Polverigi, presenta in duo con Alessandro Mor Nododiamante la cui tappa successiva Ostinato, debutta a Romaeuropa Danza. Creatrice ed interprete di propri spettacoli presenta nel 2017 al Napoli Teatro Festival Indoor insieme ad A. Mor e attualmente lavora ad un nuovo allestimento Maria, una solitudine troppo rumorosa. Nel 2002 inizia la sua collaborazione come danzatrice solista e coreografa con l’ensemble musicale l’ Arpeggiata di Christina Pluhar, con la quale instaura una lunga collaborazione, partecipando a festival di richiamo internazionale, tra i quali alla Carnegie Hall di New York, Hong Kong Arts Festival, Istanbul Muzik Festivali, Salle Gaveau a Parigi, Cadogan Hall a Londra, Musikfestspiele Potsdam Sanssouci e Walt Disney Concert Hall di Los Angeles, tra gli altri.

Corpo e Parola : La Meccanica Dell’attore con Clemente Pernarella

A Milano Via Fontana 15, Il Filo di paglia ospita la masterclass Corpo e Parola con Clemente Pernarella

Un attore è un interprete ma a differenza di ogni altro interprete non ha strumenti o meglio ha uno strumento particolare: il suo essere, la totalità del suo corpo e delle sue esperienze. Come ogni altro interprete ha la necessità di trovare una tecnica che permetta di utilizzare lo strumento, di farlo suonare. L’obiettivo di un attore è comunicare. La gestione dello strumento e il raggiungimento dell’obiettivo per ogni interprete sono materia di studio per tutta la vita. Spesso si lascia molto al caso e al fraintendimento, molti aggettivi: “naturale”, “vero” nascondono insidie che possono essere risolte solo se si comprende la natura del lavoro meccanico necessario a sostenere il palcoscenico o il set. Alcuni elementi introduttivi possono fare chiarezza sull’argomento. In maniera pratica. (n.b, si raccomanda abbigliamento adatto ad attività fisica)
– Le radice dell’interpretazione e il sentimento “fisico”.
– Incontrare il testo. Qual’è l’obiettivo della parola.
– Abitare la parola. Quale obiettivo perseguire in scena.

Biografia Breve. Clemente Pernarella
Nasce a Latina nel 1971. Diplomato all’Accademia Nazionale di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” nel 1995. Laurea in Lettere indirizzo Storia del Teatro. In teatro come attore è diretto, tra gli altri, da Luca Ronconi e Gabriele Lavia. Diretto al cinema da Giuseppe Bertolucci nel 1999, alterna il palcoscenico e il set. In tv spesso protagonista di serie che incontrano un grande favore di pubblico: “Cento Vetrine”, “Caccia segreta” “Distretto di Polizia” “Crimini Bianchi” “Don Matteo” “Che Dio ci aiuti”, “Rosi Abate”. Nel 2003 il suo esordio alla regia teatrale con un testo di cui firma anche il progetto drammaturgico: “Salgari, Corso casale 205”. Dal 2005 inizia a collaborare con Antonio Pennacchi e il primo lavoro è un monologo dal titolo “L’Autobus di Stalin – Worst Case” di cui è interprete e regista. Sempre da un testo dello stesso autore firma la regia del cortometraggio “Occhi Verdi”. Nel 2013 realizza l’adattamento teatrale di “Canale Mussolini”, romanzo premio Strega nel 2010. #Ave è il titolo del cortometraggio, di cui firma regia e sceneggiatura nel 2015, premiato come “Miglior film” nella sezione scuole al Giffoni International Film Festival. Dirige il centro di produzione e formazione “La bottega degli errori”, dirige e gestisce il Teatro “Fellini” di Pontinia.

INFO: mariacarpaneto@gmail.com 3479355159

costo : 35€ per  non tesserati  Il Filo di paglia

30€ per tesserati

Clemente Pernarella  sarà in scena dal 27 febbraio al 10 marzo al Piccolo ne’  I Giganti della Montagna Gabriele Lavia, per chi partecipa alla masterclass, ci sono biglietti scontati a partire da 12€

20 gennaio 2019 TangoCreativo con i maestri Juan Miguel Expósito e Vanessa Piri

A Milano, Il filo di Paglia, Maria Carpaneto formazione MOWlab danza contemporanea presentano:

Per la prima volta in Italia TangoCreativo con i maestri Juan Miguel Expósito e Vanessa Piri.

Raccomandato a chiunque sia interessato ad indagare lo sviluppo del movimento nel proprio corpo

Quando:       Domenica 20 Gennaio – Dalle 15.00 alle 19.00

Seminario + pratica guidata

Dove :            Il Filo di Paglia – MowLab – Via Fontana 15, Milano

Il metodoTangoCreativo mira a una riflessione profonda su quello che è il movimento, la conoscenza (e coscienza) del proprio corpo e la capacità di entrare in relazione col partner. A partire dal modello del tango, pone le sue fondamenta sull’improvvisazione, sulla creativitá e sull’espressione.  Questo metodo propone un insieme di nuove idee e strumenti che aiutano a comprendere alcuni punti costantemente citati nell’insegnamento della danza del tango, e richiamati in molte altre discipline artistiche, ma che difficilmente vengono affrontati e studiati in modo pratico.  La connessione profonda all’interno di una coppia di ballo, la creatività dell’improvvisazione condivisa, l’energia trasmessa attraverso la danza diventano il centro focale delle lezioni, dando forza all’intero processo di apprendimento.

Alcune delle caratteristiche più interessanti di questa didattica sono un ripensamento del lavoro teorico e pratico che aiuta a smontare la complessità dei movimenti più difficili, l’annullamento dei ruoli come concetto centrale della danza e del suo insegnamento e, infine, un contesto che permette di incorporare in modo più spontaneo la musica come stimolo.

In questo seminario verranno lanciate le basi per una rivalutazione fisica ed intellettuale del proprio approccio alla danza e al movimento. A livello pratico si lavorerà sullo sviluppo della propria sensibilità, sia nel percepire che nel permettere il movimento.

Costo :

iscrizione entro il 10 gennaio: 60 euro a coppia (Si intende coppia l’insieme dato da due persone, entrambe con voglia di ballare ed imparare, non è necessario essere un uomo e una donna o una coppia di ballo fissa)

Oltre il 10 gennaio: 75 euro a coppia

40 euro i singoli

Numero limitato di posti

ATTENZIONE:

Per questo evento e per il tipo di studio non si potranno usare i tacchi o scarpe da ballo. Si consiglia di portare calze o scarpette morbide.

  Per Info e prenotazioni:
Juri:                 3389735573 – juri_92@hotmail.it
Camila:                       347 322 8930

Per pagamenti:
Juri Viganò
Iban: IT48Y0306967684577734726220
Indicare causale.

(si raccomanda di mandare una  mail di prenotazione con nominativi e ricevuta di pagamento)

 

9-10 febbraio Vedere/Guardare : l’occhio NEL corpo, il corpo DELL’occhio stage con Lorenzo De Simone

A Milano, Il filo di Paglia, Maria Carpaneto formazione MOWlab danza contemporanea presentano:

Vedere/Guardare:  l’occhio NEL corpo, il corpo  DELL’occhio stage con Lorenzo De Simone

9-10 febbraio 2019 in via Fontana 15 Milano

Sabato dalle 12 alle 19 (con una pausa)

Domenica dalle 10 alle 17 (un’ora di pausa )

12 ore di lavoro

Vedere/Guardare:  l’occhio NEL corpo, il corpo  DELL’occhio ha come obiettivo quello di studiare, conoscere e saper usare il sistema visivo e di trasferire nel corpo la capacità dell’occhio di mettere a fuoco la realtà circostante.  Si illustrerà come il processo fisico di messa a fuoco non è presente solo nel sistema visivo, ma può essere esteso anche al corpo, alle sue dinamiche e alla sua energia.

Il laboratorio parte con degli esercizi specifici che vanno a stimolare l’intero sistema visivo e l’abilità di mettere a fuoco gli oggetti esterni puntando l’attenzione sulla visione centrale e sulla visione periferica.

Successivamente, gli stessi esercizi, dapprima eseguiti con gli occhi, verranno trasferiti nel corpo e messi nello spazio. Attraverso questo trasferimento,  i partecipanti saranno aiutati a sperimentare tre obiettivi:

  • Così come per gli occhi, anche il corpo può mettere a fuoco il mondo esterno.
  • Il movimento corporeo nasce dal movimento oculare.
  • Potenziare la capacità di osservare e di collegare gli occhi al corpo.

Infine, i partecipanti saranno aiutati nel loro processo di ricerca attraverso l’uso di immagini e di un vocabolario tecnico-scientifico e poetico.

Lorenzo De Simone inizia il suo percorso nella danza all’età di 11 anni studiando Classica e Moderna. Ben presto si approccia alla danza contemporanea dove si forma con numerosi coreografi e interpreti nazionali (Sosta Palmizi, Compagnia Simona Bucci, MK, Kinkaleri, Cristina Rizzo, Marina Giovannini, Le Supplici, Compagnia Nut, Compagnia Abbondanza/Bertoni, etc.) e internazionali (tra cui Carolyn Carlson, James Finnemor, Vita Osojnik, Jorge Jauregui Allue, Bruno Caverna e altri). Nel 2016, nel 2017 e 2018 affronta quattro percorsi di formazione per ampliare i propri studi nella pratica contemporanea: Progetto Azione(percorso di ricerca e sperimentazione con i coreografi e le compagnie della Toscana); Il corpo Intuitivo di Daniele Ninarello a Torino; Progetto Volcano a cura di Simona Bertozzi ed Enrico Pitozzi presso il Teatro Arboreto di Mondaino; Incubatore CIMD con Franca Ferrari, Davide Valrosso, Daniele Ninarello e Marco D’Agostin (progetto finalizzato al passaggio dalla figura del danzatore a quella di coreografo).Tra il 2017 e 2018 lavoro per Compagnia Virgilio Sieni, Compagnia NUT e Willi Dorner.

Parallelamente intraprende un percorso universitario presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dove prima si Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e successivamente in Psicologia dello Sviluppo e Processi di Tutela. Per unire i diversi percorsi, Lorenzo ha costruito negli ultimi due anni due progetti di ricerca e sperimentazione: L’occhio nel corpo e il corpo dell’occhio(2017) dove unisce la danza ai principi dell’ottica sperimentando come i bulbi oculari e la visione centrale e periferica possono influenzare la qualità e la dinamicità del corpo; Re-(l)-azione empatica (2018/2019, ancora in fase di sperimentazione) è un progetto di Tesi Magistrale che unisce il sapere psicologico con quello artistico con l’obiettivo scientifico di potenziare (su bambini di 10 anni nello specifico caso della Laurea) l’empatia, attraverso l’uso dei principi pedagogici della danza contemporanea, cercando di migliorare il comportamento prosociale, migliorare le capacità relazionali e diminuendo il bullismo.

Costo 100€ per gli esterni  90€ per gli iscritti ai corsi e pacchetti lezioni MOWlab.

Per informazioni : info@ilfilodipaglia.eu-3479355159

 

6 dicembre Lezione con Lorenzo De Simone: Vedere/Guardare

A Milano, Il filo di Paglia, Maria Carpaneto formazione MOWlab danza contemporanea presentano:

6 dicembre ore 19,30-22 in via Fontana 15 Milano

stage 9-10 febbraio dalle 10 alle 17 in Via Fontana 15 Milano

Vedere/Guardare:  l’occhio NEL corpo, il corpo  DELL’occhio ha come obiettivo quello di studiare, conoscere e saper usare il sistema visivo e di trasferire nel corpo la capacità dell’occhio di mettere a fuoco la realtà circostante.  Si illustrerà come il processo fisico di messa a fuoco non è presente solo nel sistema visivo, ma può essere esteso anche al corpo, alle sue dinamiche e alla sua energia.

Il laboratorio parte con degli esercizi specifici che vanno a stimolare l’intero sistema visivo e l’abilità di mettere a fuoco gli oggetti esterni puntando l’attenzione sulla visione centrale e sulla visione periferica.

Successivamente, gli stessi esercizi, dapprima eseguiti con gli occhi, verranno trasferiti nel corpo e messi nello spazio. Attraverso questo trasferimento,  i partecipanti saranno aiutati a sperimentare tre obiettivi:

  • Così come per gli occhi, anche il corpo può mettere a fuoco il mondo esterno.
  • Il movimento corporeo nasce dal movimento oculare.
  • Potenziare la capacità di osservare e di collegare gli occhi al corpo.

Infine, i partecipanti saranno aiutati nel loro processo di ricerca attraverso l’uso di immagini e di un vocabolario tecnico-scientifico e poetico.

Lorenzo De Simone inizia il suo percorso nella danza all’età di 11 anni studiando Classica e Moderna. Ben presto si approccia alla danza contemporanea dove si forma con numerosi coreografi e interpreti nazionali (Sosta Palmizi, Compagnia Simona Bucci, MK, Kinkaleri, Cristina Rizzo, Marina Giovannini, Le Supplici, Compagnia Nut, Compagnia Abbondanza/Bertoni, etc.) e internazionali (tra cui Carolyn Carlson, James Finnemor, Vita Osojnik, Jorge Jauregui Allue, Bruno Caverna e altri). Nel 2016, nel 2017 e 2018 affronta quattro percorsi di formazione per ampliare i propri studi nella pratica contemporanea: Progetto Azione(percorso di ricerca e sperimentazione con i coreografi e le compagnie della Toscana); Il corpo Intuitivo di Daniele Ninarello a Torino; Progetto Volcano a cura di Simona Bertozzi ed Enrico Pitozzi presso il Teatro Arboreto di Mondaino; Incubatore CIMD con Franca Ferrari, Davide Valrosso, Daniele Ninarello e Marco D’Agostin (progetto finalizzato al passaggio dalla figura del danzatore a quella di coreografo).Tra il 2017 e 2018 lavoro per Compagnia Virgilio Sieni, Compagnia NUT e Willi Dorner.

Parallelamente intraprende un percorso universitario presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dove prima si Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e successivamente in Psicologia dello Sviluppo e Processi di Tutela. Per unire i diversi percorsi, Lorenzo ha costruito negli ultimi due anni due progetti di ricerca e sperimentazione: L’occhio nel corpo e il corpo dell’occhio(2017) dove unisce la danza ai principi dell’ottica sperimentando come i bulbi oculari e la visione centrale e periferica possono influenzare la qualità e la dinamicità del corpo; Re-(l)-azione empatica (2018/2019, ancora in fase di sperimentazione) è un progetto di Tesi Magistrale che unisce il sapere psicologico con quello artistico con l’obiettivo scientifico di potenziare (su bambini di 10 anni nello specifico caso della Laurea) l’empatia, attraverso l’uso dei principi pedagogici della danza contemporanea, cercando di migliorare il comportamento prosociale, migliorare le capacità relazionali e diminuendo il bullismo.

Costo 15€ per gli esterni  10 € per gli iscritti ai corsi e pacchetti lezioni MOWlab.

Per informazioni : info@ilfilodipaglia.eu-3479355159